Definita la giuria che valuterà i 24 cortometraggi in concorso internazionale #Cortisonici2017: la storica dell’arte Anna Bernardini, il critico cinematografico e selezionatore della Mostra del Cinema di Venezia Bruno Fornara, il “paroliere” Fabio Ilacqua autore del testo Occidentali’s Karma vincitore a Sanremo 2017 e il regista e autore Christian Letruria. I film verranno presentati presso il Cinema Nuovo di Varese giovedì 30, venerdì 31 marzo e sabato 1 aprile 2017. Durante quest’ultima serata verranno proclamati i vincitori della 14° edizione del festival cinematografico varesino.

Questi i profili dei quattro giurati:

Anna BernardiniAnna Bernardini

Storico dell’arte e curatore, direttore dal 1998 al 2004 dei Civici Musei di Varese; dal 2006 dirige Villa e Collezione Panza a Varese, proprietà del FAI – Fondo Ambiente Italiano. A Villa Panza, ha curato mostre monografiche di artisti tra cui Joseph Kosuth, Giorgio Morandi, Robert Rauschenberg, Bill Viola, Lawrence Weiner, Robert Irwin, James Turrell, Wim Wenders, Meg Webster e Roxy Paine, Robert Wilson così come una collettiva sull’Arte Povera.

 

bruno fornaraBruno Fornara

Critico cinematografico, è stato presidente, dal 1978 al 2008, della Federazione Italiana Cineforum e direttore editoriale della rivista «Cineforum». Ha pubblicato Charles Laughton, La morte corre sul fiume (Lindau) e Geografia del cinema. Viaggi nella messinscena (Rizzoli). Ha fatto parte della giuria del premio “Adelio Ferrero” di Alessandria. Ha lavorato nel gruppo organizzatore di Bergamo Film Meeting. È selezionatore per la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Dal 1994, è docente di narrazione cinematografica presso la Scuola Holden di Torino.

Fabio Ilacqua

Nasce a Varese nell’ 1975, ma originario del sud. Dopo il Liceo artistico Frattini di Varese frequenta il corso di scultura all’Accademia di Belle arti di Brera di Milano, studiando al contempo canto e pianoforte ed esibendosi in diverse formazioni. Tra il 2001 e il 2006 termina la sua prima raccolta di canzoni intitolata Ballata del dopocena e nel 2007 è tra i quattro vincitori del Musicultura festival di Macerata. A partire da questi anni la ricerca compositiva e pittorica cominciano a procedere di pari passo, facce della stessa medaglia, integrandosi e nutrendosi a vicenda. fabio ilacquaNel 2011 comincia a lavorare come autore. I brani inviati a Milano giungono alle orecchie di Patrizio Simoni, fonico dello storico studio Kaneepa di Michele Canova. È lo stesso Patrizio a mettere in contatto Fabio con Francesco Gabbani. Ne nasce una profonda amicizia e un percorso di ricerca musicale che sfocia nella composizione di diversi brani attualmente contenuti nell’album Eternamente ora uscito per BMG Right Management, tra cui Amen, testo di Fabio Ilacqua e musica di Francesco Gabbani, vincitore del 66° Festival di Sanremo, del premio della critica “Mia Martini” e del premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo. Oggi Fabio vive e lavora alle pendici del Sacro Monte di Varese.

 


Christian Letruria

Favelas Cantagalo, Rio de Janeiro, sul tatami due uomini lottano senza sosta. Stacco. Una barca a vela a 30 nodi guidata da dei ragazzi down. Stacco. Christian LetruriaUna piccola isola dell’Islanda, mi parlano i sopravvissuti ad una violenta eruzione vulcanica. Stacco. Cannes, in una villa liberty, Philippe Seymour Hoffman cade ubriaco da una sedia mentre stiamo brindando, lo aiuto a rialzarsi. Questo lavoro mi ha portato ovunque e mi ha chiesto solo tanta curiosità ed una storia da raccontare. Sono lo specchio di una dissociazione totale: regista, autore, attore, reporter. Spesso mi domando come mi sia stato permesso di fare queste cose. Ho lavorato per tutti i maggiori broadcaster Italiani, sto preparando il mio primo film ed ho appena finito un documentario: 21 X 17 Geometria della giustizia.